Perchè devi sperare che i tuoi clienti si lamentino

No non sono diventato matto, e lo so che sembra un controsenso assurdo.

Ma come? Parliamo di Fedeltà, di Marketing e di come monetizzare al massimo e al meglio, e poi mi dici che devo sperare che i miei clienti si lamentino?

Ebbene si! Ma lascia che ti spieghi prima di saltare a conclusioni affrettate.

Posto che dobbiamo fare di tutto per non dare motivo ai clienti di lamentarsi, purtroppo succederà ugualmente, e quando questo accade… allora devi volere che i clienti ti riportino le loro lamentele.

Conosco aziende che non incoraggiano in nessun modo i clienti a riportare le loro lamentele; forse pensando di averne già abbastanza così, e alcune addirittura degli incentivi o metri di misura che li scoraggiano attivamente.

Ma sono convinto che dobbiamo imparare dalle lamentele dei nostri clienti. E ora, ti dico anche perchè.

Se un cliente ha motivo di lamentarsi può fare solo 3 cose:

1. Non dire niente

Se sceglie questa opzione, potrebbe anche rimanere tuo cliente fintanto che ha voglia di sopportare; comunque, tu non saprai mai del problema e non potrai mai risolverlo. In questo caso, probabilmente il problema si ripeterà ancora e ancora, finché i clienti che non sono troppo a loro agio nell’esprimere lamentele (e ce ne sono) sceglieranno l’opzione 3 e andranno altrove in futuro. È così che perdi i clienti.

2. Lamentarsi

Se scelgono questa strada, potresti trovarti a desiderare di non avere clienti che si lamentano, ma tieni presente che hanno fatto lo sforzo di dirti cosa non va, e puoi usare quell’informazione per risolvere il problema, così da rinsaldare il rapporto con i tuoi clienti e fare in modo che il problema non si presenti mai più. Questo porterà i clienti ad esserti più fedeli.

3. Andare altrove

Questi sono clienti che perdi, ma non saprai mai perchè. Non puoi risolvere il problema che li ha portati ad andarsene, e nemmeno cercare di rimediare. Comunque la giri, sono persi!

Ora, se pensi alle 3 possibilità che ti ho appena elencato, e quale delle 3 rappresenta di più il cliente fedele, sarai d’accordo con me nel dire che è la numero due!

Loro sono i clienti che più probabilmente saranno fedeli, ed ecco perchè devi sperare che i tuoi clienti si lamentino!

Sembravo impazzito vero? Ma adesso sicuramente hai capito…

Se vogliamo recepire le lamentele dei clienti, dobbiamo anche metterli in condizione di poterlo fare!

È più difficile di quel che pensi ottenere le lamentele dei clienti: molti tendono a stare in silenzio per poi sparire; se poi gli rendiamo difficile comunicarci i problemi che ci sono e le loro lamentele (o osservazioni), saranno ancora più incentivati a stare in silenzio e sparire, e magari a suggerire anche ad altri di farlo! E questi altri potrebbero essere tuoi futuri clienti o clienti che già hai e che rischi di perdere!

E se invece andassero a dirlo ai media o a dei tuoi competitor?? Forse ancora peggio!

Considerate le alternative, io preferirei venissero a dirle a me le loro lamentele piuttosto che a chiunque altro… quindi assicurati che riportare a te le lamentele ed i problemi sia estremamente facile, e sii pronto a rispondere nella maniera più cordiale e comprensiva possibile, sapendo che l’informazione che ti sta arrivando è un grande tesoro che puoi utilizzare per aumentare il valore percepito della tua attività!

Il tuo parere è importante, se vuoi lascia un commento!

Forse ti interessa leggere questi ...

Chi mi ha scombussolato i clienti?

Nell’articolo dell’altro giorno (che se non hai letto, puoi leggere cliccando qui), ti raccontavo come il comportamento e le aspettative dei clienti cambino sempre molto…

I Clienti sono cambiati!

Tutte le cose cambiano, in particolar modo i clienti.I clienti di oggi non sono certo gli stessi clienti di ieri: si sono evoluti, hanno sviluppato…

vuoi ricevere i miei aggiornamenti?

Iscriviti alla mia newsletter, ti invierò personalmente gli aggiornamenti più importanti! Non preoccuparti, non sono tipo da 10 email al giorno!
Ti invierò solo comunicazioni veramente utili.

Condividi su facebook
Condividi su google
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp